Il Carnevale del Salento: la sfilata di Corsano 2016

Carro Allegorico Carnevale Corsanese

Fervono i preparativi nei dieci giorni che mancano all'inizio ufficiale del "Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca", giunto nel 2016 alla 34esima edizione.

Le varie tappe della sfilata

Sono oltre un migliaio le persone impegnate nella preparazione dei carri - fra carristi e aiutanti - che sfileranno poi lungo le vie di diverse località del Salento meridionale. Il prossimo 31 gennaio avrà inizio la manifestazione, che presenta un'importante novità: alle due tappe ormai classiche di Alessano e Corsano, si aggiunge una terza località, vale a dire Gagliano del Capo, andando così ad arricchire il menu della kermesse carnevalesca organizzata dalle Pro Loco di Corsano e Alessano con il supporto dei comuni delle rispettive cittadine e dell'Unione dei comuni "Terra di Leuca".

L'inizio ufficiale della manifestazione è previsto per il 31 gennaio alle 15 con la sfilata che partirà dalle vie di Alessano. Le altre tappe sono previste a Corsano il 7 e il 9 febbraio, con gran finale in quel di Gagliano del Capo il 13 febbraio.

I carri che prenderanno parte alla kermesse

I carri in concorso nella 34esima edizione del "Carnevale di Corsano e del Capo di Leuca" sono tre; "À la guerre comme à la guerre" è il titolo del carro presentato dal gruppo Mir guidato da Cesario Ratano, sul quale saranno presenti diversi personaggi dei Minion, film animato molto conosciuto dai più piccoli.

Avrà tema politico invece il carro "Un abisso di guai" del gruppo "Quelli che il macello", in cui l'Italia viene raffigurata come un fondale marino dove abbondano predatori e creature spaventose, come polpi (Mafia capitale), squali (Equitalia) e granchi (le tasse da pagare). A difendere il fondale ci sarà solamente un sub che avrà il volto di Matteo Renzi.

Il terzo carro, infine, è intitolato "Tutto il mondo è paese" realizzato dal gruppo "Quei bravi ragazzi"; il tema di questo carro sarà l'attualità, con particolare attenzione al fenomeno dell'immigrazione, rappresentato da varie imbarcazioni che tentano a fatica di raggiungere l'Italia, dove i cittadini del Bel Paese si fanno trovare pronti ad accogliere coloro che arrivano in cerca di rifugio e aiuto.

Anche in questo carro non manca la critica politica, con la presenza di una piramide rovesciata. Il carnevale corsanese sarà dunque all'insegna del divertimento, come è giusto che sia, ma senza dimenticare i problemi con cui si ha a che fare ogni giorno, dagli scandali alle lacune della politica, passando per il fenomeno della migrazione globale.

Condividi Condividi via mail Condividi fu Facebook Condividi fu Twitter