Le Cesine e Torre Guaceto: paradisi naturalistici nel Salento

Scoprire la natura attraverso le riserve naturali di Torre Guaceto e de Le Cesine è un'esperienza che lascia stupefatti.

L'incomparabile bellezza di queste oasi attrae l'attenzione di coloro che amano gli ambienti incontaminati: qui è possibile stare a contatto con numerosi esemplari faunistici, come il tasso, la donnola, la faina; innocui serpenti ed uccelli di grossa taglia, fra i quali l'airone e il falco, autentico padrone – quest'ultimo - dell'intera riserva naturalistica.

Torre Guaceto combina questa parentesi di natura pura ed incontaminata con una cristallina distesa d'acqua, che la rende una rinomata località balneare. Attraverso le acque trasparenti si scorgono i numerosi rettili e la ricca vegetazione che popola l'ambiente marino: cià fa di questa oasi uno dei paesaggi più spettacolari dell'intera costa pugliese.
La spiaggia, dalla sabbia molto fine, dona all'ambiente un tocco di classicità, grazie alla torre aragonese del XVI secolo: tale fortificazione dà il nome all'oasi e la protegge, oggi come allora, dalle grinfie degli interventi umani e dalla pressione antropica.

Di uguale bellezza è la riserva de Le Cesine, un'area protetta della provincia di Lecce. La denominazione che indica tale oasi si riferisce agli stagni acquitrinosi che popolano la costa adriatica; essi rendono l'ambiente umido e paludoso, tale da essere popolato da numerose specie di vegetazione e fauna.
La molteplicità di alberi, piante, fiori ed animali rendono tale riserva una vera e propria "vetrina" di colori, profumi e rumori, ai quali, anche l'uomo più distratto, non può non rivolgere la propria attenzione.

Condividi Condividi via mail Condividi fu Facebook Condividi fu Twitter