Morciano di Leuca

Località e Territorio

Morciano di Leuca è un comune facente parte del GAL del Capo di Leuca, situato nell’estremo lembo meridionale della penisola salentina. Dista 63 km dal capoluogo provinciale e comprende le frazioni di Barbarano del Capo e Marina di Torre Vado, località marittima sulla costa ionica. Il territorio comunale si estende su un terreno di natura carsica, che favorisce la creazione di inghiottitoi generati dallo scorrere delle acque in superficie. Questi inghiottitoi vengono chiamati “vore” (fori), ne sono un esempio la Vora Grande e la Vora Piccola di Barbarano.

Le Origini

Il primo nucleo abitativo di Morciano di Leuca risale al IX secolo e fu conseguenza della distruzione della vicina Vereto da parte dei Saraceni. Nei secoli il feudo passò nelle mani di vari latifondisti, Tancredi d’Altavilla, Gualtieri VI di Brienne, la famiglia Sambiasi, i Capece, i Castromediano. Fino al 1838 il paese era aggregato al comune di Patù.

La denominazione probabilmente deriva dal latino “murex” con riferimento al terreno roccioso su cui sorge l’abitato.

Come Arrivare

Dall’Aeroporto di Brindisi SS613 per Lecce; SS275 in direzione Leuca; SP73 e poi SP190 per Barbarano-Morciano.

Cosa Vedere

  • Chiesa Madre di San Giovanni Elemosiniere: costruita nel XVI secolo su una preesistente struttura medievale, la chiesa presenta un esterno in stile romanico e barocco e un campanile edificato nel 1775. L’interno è a tre navate e ospita altari barocchi in pietra leccese sormontati da preziose tele seicentesche e statue. Nell’area antistante la chiesa sono state ritrovate alcune tombe dei secoli XIII-XIV.

  •  Chiesa del Carmine: costruita nel 1486, la chiesa fu affiancata in seguito al convento dei Carmelitani, poi abbattuto nel 1967. L’edificio presenta un prospetto barocco e ospita al suo interno altari barocchi, tele seicentesche, un antico organo e alcune statue in cartapesta.

  • Cappella della Madonna di Costantinopoli: la cappella fu edificata nel XVI secolo; presenta un prospetto semplice e un campanile a vela. All’interno la cappella custodisce un monolite dove è raffigurata la Madonna col Bambino, a sua volta realizzata su un affresco databile al X secolo.

  • Frantoi Ipogei: si tratta di monumenti scavati nella roccia utilizzati per produrre olio, databili al IX secolo. Molti frantoi furono ricavati mediante la semplice rottura dei granai di epoca messapica.

  • Castello Castromediano-Valentini: edificato nella prima metà del XIV secolo, per scongiurare le mire espansionistiche del conte di Caserta, il castello presenta una pianta quadrangolare con quattro torrioni, di cui solo uno resta visibile. Attraverso il portone si accede ad un ampio cortile interno, intorno al quale sono distribuiti grandi stanzoni adibiti a fienili, scuderie, cucine, officine, botteghe artigianali e forni. La denominazione del castello deriva dai nomi delle ultime famiglie che lo hanno abitato.

  • Torre Vado: si tratta di una delle numerose torri costiere fatte costruire nel XVI secolo da Carlo V per difendere il territorio salentino dalle invasioni dei pirati Saraceni. A causa della sua vicinanza con il centro abitato di Salve, la torre era stata adibita a torre cavallara, cioè era dotata di un messaggero a cavallo che informava il paese in caso di pericolo. La torre fu restaurata nel 1935.

Itinerari

- Itinerario Religioso: I Luoghi di Culto

- Itinerario Religioso: Sulle Tracce di San Pietro

- I Castelli del Basso Salento

- Itinerario Marittimo: Le Grotte e le Torri Costiere del Mare di Leuca

- Itinerario Rurale: La Campagna, Le Masserie e i Frantoi

Curiosità

L'economia di Morciano di Leuca, storicamente legata alla coltivazione del terreno, ha gradualmente convertito tale propensione verso una dimensione commerciale e turistica. Tuttavia, l’agricoltura rimane un’attività molto praticata nella zona; in particolare importanza è la coltivazione dell’ulivo per la produzione dell’olio extravergine d’oliva.

Eventi e Festività

  • Festa di San Giovanni Elemosiniere: 23 gennaio e ultima decade di luglio

  • Sagra de li Diavulicchi: prima decade d’agosto

  • Fiera di Santa Lucia: 13 dicembre

 

Condividi Condividi via mail Condividi fu Facebook Condividi fu Twitter