Specchia

Località e Territorio

Specchia è un comune salentino situato a metà strada tra il mare Ionio e il mare Adriatico. Dista 53 km da Lecce, 25 km dalla costa occidentale del Salento e 12 km da quella orientale. Il comune fa parte del club “I borghi più belli d'Italia”. L'abitato sorge su una piccola collina ai piedi della Serra Magnone quasi completamente coltivata ad ulivi ed organizzata in terrazzamenti, muretti a secco e pajare. Del comune di Specchia fa parte anche la località di Cardigliano, un villaggio agricolo costruito in epoca fascista la cui popolazione era dedita alla lavorazione del tabacco.

Le Origini

Le prime notizie documentate riguardo l’insediamento di Specchia risalgono all’epoca normanna e all’inizio dell’età feudale. Il primo piccolo insediamento risale con ogni probabilità al IX secolo, quando alcuni pastori si stabilirono sull’altura al riparo dalle scorrerie dei pirati. Come molti paesi del Salento è stato possedimento feudale di numerose famiglie, dagli Orsini Del Balzo ai Ligorio, fino alla fine del’epoca feudale nel 1806.

Il toponimo deriva dal latino “specula”, che significa luogo artificiosamente sollevato. Nel paese, infatti, si trovano molte specchie, cumuli di pietra a forma conica che i Messapi utilizzavano come punto di avvistamento o come sistema di demarcazione territoriale. In alcuni documenti fino al XVIII secolo è riportato il nome di Specla Presbiterorum, probabilmente a causa dell’appartenenza del paese a sacerdoti secolari. Nel Medioevo, poi, compare anche come Specla de Amygdalis, con riferimento agli alberi di mandorlo molto diffusi nella zona.

Come arrivare

Dall’Aeroporto di Brindisi SS613 per Lecce; SS16 per Maglie; SS275 in direzione Leuca fino a Montesano; proseguire per Specchia.

Cosa Vedere

  • Chiesa della Presentazione della Santa Vergine Maria: l'edificio fu costruito nel XV secolo e originariamente contava di un'unica navata. La struttura attuale è il risultato di una serie di modifiche e ampliamenti realizzati tra Seicento e Settecento. La chiesa custodisce l'altare barocco dell'Annunziata in pietra leccese, i pilastri in pietra leccese stuccati alla veneziana e gli archi trionfali decorati con motivi floreali.
  • Chiesa e Convento dei Francescani Neri: la chiesa e il convento furono entrambi edificati nei primi decenni del Cinquecento. La chiesa presenta un prospetto dalle rifiniture gotiche; l'interno è a navata unica e accoglie una cappella affrescata dedicata a Santa Caterina d'Alessandria. Al di sotto della chiesa si trova una cripta basiliana contenente tracce di affreschi bizantini. Il convento subì numerose trasformazioni nel corso dei secoli fino ad essere adibito ed orfanotrofio nel 1945. Fu definitivamente chiuso nel 1980.
  • Chiesa dell’Assunta: costruita nel Seicento, la chiesa della Madonna Assunta sorge nei pressi dell'antica Porta del Foggiaro o Porta Lecce.
  • Cripta di San Nicola Mira: edificata nel XI secolo, la chiesa di San Nicola è di probabile origine bizantina. Infatti, la chiesa in origine fu consacrata secondo il rito greco-bizantino, ma fu interamente restaurata nel Cinquecento e convertita al rito latino. L'interno, a navata unica, accoglie un semifresco della Madonna in trono col Bambino di scuola cinquecentesca, alcune icone di stile bizantino e un altare maggiore in pietra leccese.
  • Chiesa di Sant’Eufemia: edificata tra il IX e il X secolo, durante la dominazione greca, la chiesa di Sant’Eufemia sorge nei pressi dell’antico casale Grassi. La costruzione è in pietra con tetto spiovente, la pianta è rettangolare, l’interno è a tre navate. La chiesa custodisce una statua in pietra di Sant’Eufemia.
  • Chiesa di Sant’Antonio e Convento dei Domenicani: la chiesa fu edificata verso la fine del XVII secolo ed è annessa al convento dei Domenicani. L’interno è suddiviso in tre navate e custodisce sei altari laterali. Il convento nel corso degli anni fu trasformato in palazzo municipale e poi in centro per anziani.
  • Chiesa Madonna del Passo: La chiesa della Madonna del Passo ha origini bizantine. Di forma quadrangolare, ospita due altari laterali e un altare centrale sormontato da un baldacchino con colonne. L'altare centrale, di stile tardo rinascimentale, è impreziosito da un dipinto della Madonna col Bambino. Le pareti dell'ipogeo presentano tracce di antichi affreschi. Esternamente, sulla chiesa-cripta, nel 1851 è stato edificato un Calvario.
  • Palazzo Risolo: edificato nel Cinquecento, Palazzo Risolo è situato nel cuore del centro storico. Tutt'intorno, una possente cinta muraria proteggeva il piccolo abitato. Il palazzo, a pianta quadrata accoglie un giardino, dominato da una grande torre angolare.
  • Palazzo Baronale Ripa: costruito nel XVII secolo, il palazzo baronale sorge a ridosso di Porta Leuca, una delle antiche porte della città. Nel 1900 fu costruito il portico e nel 1959 il palazzo fu venduto dagli eredi del Barone Ripa al dr. Antonio Longo, attuale proprietario.
  • Masseria Cardigliano: la Masseria Cardigliano, meglio conosciuta come Borgo Cardigliano si trova sulla cresta di una serra. Fu costruita in periodo fascista ed era destinata alla produzione del tabacco. La masseria si compone di alcune unità abitative, una chiesa, alcune stalle, depositi, vani per la lavorazione del tabacco e uno spazio ad uso collettivo
  • Frantoi Ipogei: i frantoi ipogei rappresentano una monumentale testimonianza di architettura industriale dell’antico Salento. Recentemente riqualificati, alcuni dei numerosi frantoi ipogei situati nel centro storico di Specchia sono stati resi fruibili al pubblico. Essi custodiscono le macine in pietra, i torchi per la spremitura, le vasche di raccolta.
  • Serra Mangone: quasi completamente coltivata ad ulivi ed organizzata in terrazzamenti con muretti a secco di contenimento, la Serra Mangone ospita sulla sua cresta la Masseria del Monte, insediamento rurale con cappella del XVII secolo dedicata a Sant'Antonio.

Itinerari

- Itinerario Religioso: I Luoghi di Culto

- L’Architettura Civile: Corti, Palazzi e Residenze Nobiliari

- Itinerario Rurale: La Campagna, Le Masserie e i Frantoi

Itinerario Green: le Serre, i Boschi, la Natura del Salento

Curiosità

Il comune di Specchia è stato uno degli scenari del telefilm “Il giudice Mastrangelo” andato in onda su Canale 5 tra il 2007/2008. Sono state girate anche alcune scene di “Sangue Vivo” di Edoardo Winspeare e di “Eccezzziunale... veramente - Capitolo secondo... me” di Carlo Vanzina.

Eventi e Festività

  • Fiera della Candelora - 2 febbraio

  • Festa e Fiera di San Nicola – seconda domenica di maggio

  • La Notte Bianca - 12 agosto

  • Fiera della Madonna del Passo - 8 settembre

  • Sagra della Pittula con falò - 24 dicembre

Condividi Condividi via mail Condividi fu Facebook Condividi fu Twitter