Tour guidato nella Valle d'Itria

I trulli di Alberobello

La Valle d’Itria, o Comprensorio dei Trulli e delle Grotte, racchiude un’area piuttosto vasta che va da Martina Franca ad Alberobello, Locorotondo, Fasano e Cisternino con un itinerario di circa 66 chilometri.

Essa è caratterizzata da un territorio con una particolare morfologia che alterna aree pianeggianti a dolci colline oltre ad avere piccole aree boschive, in prevalenza di querce, che interrompono vaste aree coltivate, circondate da muretti a secco ed edifici con tetti a forma di cono.

L’itinerario comincia dall’elegante Martina Franca, in provincia di Taranto (statale 172) in tipico stile barocco e si inerpica sulle Murge fino ad arrivare ad Alberobello, la città dei Trulli. Qui, naturalmente, vale la pena fermarsi un po’ per inoltrarsi fra le viuzze tipiche del centro storico, dichiarato Patrimonio dell’Unesco.

Si consiglia di visitare il rione Monti, con i Trulli Siamesi e la Chiesa di San Antonio, oltre al Trullo Sovrano, unica costruzione del genere a due piani.

Partiti da Alberobello si prosegue su una strada panoramica immersa fra gli ulivi che, in 10 chilometri, porta a Fasano. Questo paese, a poca distanza dal mare e alle falde delle Murge sud-orientali, è caratterizzato da un bellissimo centro storico composto da viuzze sulle quali si affacciano le tipiche case in calce bianca.

Terminato il tour di Fasano il percorso riprende lungo la statale 172 in direzione Locorotondo (circa 10 chilometri). Esso appare al visitatore su un altopiano che domina la Valle d’Itria e che può essere osservata in tutta la sua bellezza dai giardini comunali del paese, presso i quali si trova una terrazza panoramica.

Le case, disposte circolarmente su strade concentriche (da qui il nome), sono imbiancate a calce, hanno due o tre piani e terminano con le "cummerse", o tetti a due spioventi. Notevole anche la Chiesa della Greca.

Proseguendo ad est di Locorotondo si giunge in breve a Cisternino, dalle antiche origini messapiche. Qui sono da vedere la Torre Normanna e la Chiesa di San Nicola. Con altri 9 chilometri si rientra, poi, a Martina Franca.

Condividi Condividi via mail Condividi fu Facebook Condividi fu Twitter