Torre dell'Orso: la spiaggia avvolta da leggenda

Le Due Sorelle a Torre dell'Orso

Il mare limpido e cristallino, premiato da molti anni con la bandiera blu, le spiagge di sabbia finissima color dell'oro e il clima mite rendono Torre dell'Orso una delle mete balneari più rinomate di tutto il Salento. Uno scenario paradisiaco che nasconde, anche, una bellissima leggenda.

Le "Due Sorell" e la loro leggenda

A Torre dell'Orso, proprio al centro di quel mare che sembra fondersi nel cielo per il suo azzurro così intenso, sorgono due scogli che (a prima vista) sembrano perfettamente identici: sono le "Due Sorelle".

La leggenda legata alla loro nascita è davvero affascinante ed è parte integrante della tradizione salentina. Il mito vuole che due fanciulle di rara bellezza, decisero un giorno di lasciare la campagna per recarsi al mare, sulle scogliere di Torre dell'Orso, alla ricerca di un po' di refrigerio dal caldo torrido. Una delle due sorelle, forse affascinata dal mare così limpido, forse alla ricerca della brezza fresca, si sporse tanto da cadere in acqua. Le grida di aiuto giunsero all'orecchio dell'altra sorella che, nel tentativo di salvarla, si buttò anch'essa in mare trovando, però, una sorte funesta.

Entrambe le sorelle morirono e il mare accolse i loro bellissimi corpi, così belli che decide di tramutarli in scogli. Così, le due sorelle sono ancora là, in quel mare tanto amato, a stringersi in un abbraccio eterno.

Le bellezze di Torre dell'Orso

Oltre alla leggenda, Torre dell'Orso è una delle baie più belle e più grandi di tutto il Salento, ricca di grotte, isole e di insenature marine, meta di un turismo sempre crescente.

Deve il suo nome ad una antica torre di avvistamento utilizzata per scrutare il mare alla ricerca delle navi turche in arrivo sulla costa. Grazie alla sua posizione, poco distante sia da Lecce che da Otranto e ad esse ben collegata, questa cittadina è, nel corso di pochi anni, letteralmente rifiorita. Oggi può vantare, infatti, numerosissime attività, sagre e feste che rendono il suo centro turistico davvero all'avanguardia.

Fonte immagine: Olivier Bourgi I Concert Photographer

 
Condividi Condividi via mail Condividi fu Facebook Condividi fu Twitter